Mercoledi, 22 novembre 2017 - ORE:15:50

A Ginevra è iniziato il Motor Show 2014

motor show 2014

motor show 2014

Smartwatch free

Come non parlare della Fiat al Motor Show 2014?

In questo articolo focalizzeremo la nostra attenzione sulle case automobilistiche nostrane e non potevamo che iniziare con la Fiat. La famosa casa italiana presenta al Salone di Ginevra il Model Year 2014 della Fiat 500.
fiat 500
Il modello in questione mostra poche modifiche estetiche, se non nell’aggiunta di 3 nuove colorazioni per la carrozzeria. Coloro che decideranno di acquistarla potranno anche scegliere tra Verde Lattementa, Bianco tristrato e Blu Italia (disponibile solo per allesimento S). Inoltre, Fiat aggiunge tre nuovi disegni di cerchi in lega con dimensioni da 15 o 16 pollici. Le modifiche di maggior rilievo si notano quando si entra nell’abitacolo e ci si mette alla guida. La Fiat rende questo esemplare più tecnologico, apportando un nuovo display TFT da 7” per le informazioni e per la gestione del veicolo.
I passeggeri potranno godersi la marcia con nuovi rivestimenti in pelle delle sellerie e senza nessun cambiamento degli ormai 5 motori noti per questa vettura. La Fiat, oltre al modello sopra citato, ha modificato la Fiat Panda e la Fiat Freemont, trasformando la trazione anteriore, che caratterizzava i due modelli, in una trazione integrale, rendendole 4×4.

Alfa Romeo

Un’altra casa automobilistica che ha deciso di puntare sul restyling di un modello è l’Alfa Romeo. Il Biscione, infatti, ha deciso di rinnovare un modello già proposto nel 2009, ovvero l’Alfa Mito “Quadrifoglio Verde”. Infatti la “ piccola ” di casa Alfa, a differenza del modello precedente, monta un cambio TCT a doppia frizione, soluzione già adottata per la versione classica del esemplare in questione.
alfa romeo
Le prestazioni, dichiarate dalla casa madre, sono di tutto rispetto. Il motore 1.4 Multair turbo benzina a iniezione diretta è capace di erogare 170 CV spinge l’auto da 0 a 100 km/h in 7,3 secondi ( 2 secondi in meno rispetto alla versione precedente) con picchi di velocità fino a 219 km/h. Esplicate le caratteristiche tecniche, passiamo ad analizzare i nuovi dettagli estetici. Lo scopo dei progettatori dell’Alfa era quello di rendere più aggressivo ed accattivante il look della loro “mini-sportiva”, aggiungendo nuovi cerchi in lega da 17 pollici, dettagli in carbonio e maniglie, cornice dei fari e griglia. Trattamento diverso è stato riservato all’Alfa Romeo Giulietta, che, con le modifiche apportate, entra a far parte di diritto nella gamma delle auto sportive prodotte dall’Alfa, storicamente riconosciuta come “Quadrifoglio Verde”. La Giulietta “Quadrifoglio Verde” monta sotto il cofano lo stesso motore dell’Alfa Romeo 4C. Il motore 1750 turbo benzina a iniezione diretta è capace di erogare 240 CV e permette al veicolo di arrivare da 0 a 100 km/h in 6,6 sec. La casa produttrice dichiara una velocità massima di oltre 240 km/h. Anche sulla Giulietta ritroviamo il cambio TCT.

alfa romeo

La novità in casa Alfa, è la “scoperta” della 4C. Questa, viene modificata rendendo il pannello superiore mobile, così da farla sembrare più affascinante.
La nuova Alfa Romeo 4C Spider, oltre alla modifica al tettuccio, si presenta con uno stile ridisegnato. Dopo le critiche mosse alla coupè, gli ingegneri hanno modificato alcuni dettagli, come i gruppi ottici anteriori, il sistema di scarico in titanio e carbonio, nuovi cerchi i lega da 18 pollici per l’anteriore e da 19 per il posteriore e, per finire, l’esclusiva vernice Bianco Lucido tristrato. L’uso dei materiali leggeri, tiene questa sportiva sotto i 1000 Kg.
Il motore presente sotto il cofano è lo stesso della versione “chiusa” della 4C, riutilizzato sulla Giuletta “Quadrifoglio Verde”. Per godervi la guida della spider, dovrete aspettare il 2015, anno in cui verrà prodotta.

Ferrari

ferrari
Parlando delle case automobilistiche di casa nostra, non si può non citare la novità portata agli occhi dei visitatori dalla Ferrari. La casa di Maranello decide di rivisitare un modello degli anni recenti, ovvero la Ferrari California, apportandogli alcune modifiche. La nuova Ferrari California T, la cui “T” sta per turbo, riporta alcune varianti estetiche ed alcune meccaniche. I nuovi fari a led, montati su questo modello, le danno un’aria più aggressiva. Carattere aggressivo reso più evidente dal ruggito del nuovo motore V8 3.8, dotato di 2 turbo, con 560 CV. La prova 0-100 km/h è stimata in 3,6 sec e velocità massima di 316 km/h. Il motore è accompagnato da un cambio robotizzato a doppia frizione DCT.

Lamborghini

Parlando di sportive, non poteva mancare la sostituta dell’ormai celebre Gallardo, la Huracan LP 610-4. La Lamborghini specifica di aver fatto un passo avanti con innovazioni tecniche, estetiche e d’utilizzo. Questo gioiellino viene spostato da quattro ruote motrici e, per evitare lo slittamento dei pneumatici in caso di accelerazioni brusche, monta il launch control, che può essere attivato con un tasto. La Huracan viene spinta da un motore V10 5.2 a iniezione diretta e indiretta, capace di erogare 610 CV (sottolineato dal nome della sportiva). La velocità massima che può raggiungere questo “gioiello di meccanica” è superiore ai 325 km/h e raggiunge i 100 km/h in 3,2 secondi. Tutto ciò è reso possibile anche grazie alla carrozzeria in alluminio che si alleggerisce ulteriormente grazie ai dettagli in fibra di carbonio. In conclusione, il Salone di Ginevra si rende ancora una volta come un’occasione ideale, per coloro che lo vorranno, per ammirare nuovi modelli e dare uno sguardo al futuro automobilistico.



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 5 minutes, 1 second
Scrivi la tua opinione
  • Leggi qui

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.