Domenica, 23 aprile 2017 - ORE:15:56

Automobili abbandonate: un patrimonio inestimabile

auto abbandonate

automobili abbandonate

Tra le foglie e il muschio ci possiamo imbattere in automobili abbandonate a loro stesse

Non è difficile oggi giorno imbattersi in luoghi in cui riposano abbandonate al loro destino delle automobili. Spesso si auto abbandonate2tratta di modelli che avrebbero anche una certa rilevanza storica, altre volte invece si tratta delle vecchie auto di famiglia lasciate a marcire per evitare la rottamazione, mentre la sorte adesso le ha rilegate ad una condizione di relitto, il cui unico ruolo è quello di inquinare il paesaggio e la natura diventando a loro volta parte stessa del panorama. I boschi e le campagne sono nella maggior parte dei casi i nuovi habitat di queste quattro ruote, in cui la natura prende il sopravvento sulla lamiera diventando un tutt’uno con il corpo della vettura, il colore originario lascia spazio alla ruggine e al muschio, il cofano e l’abitacolo diventano il rifugio di animali in cerca di una nuova tana. Ci sono episodi invece in cui delle vere e proprie fuori serie e auto di lusso sono lasciate per anni a riposare nei garage e nei fienili in attesa di nuovi giorni in cui tornare a risplendere per le strade, mentre nel frattempo la polvere si posa sul loro manto e l’umidità e il freddo ne corrode gli ingranaggi.

Nonostante lo stato di abbandono, spesso e volentieri queste vetture hanno delle risorse inattese, in quanto possono essere in grado di fornire pezzi di ricambio a costo zero per collezionisti e persone interessate, o ancora meglio possono essere rimesse in vita, dopo molto olio di gomito e un duro lavoro di restauro, per arricchire il fortunato che ha deciso di provare questa esperienza. Per i modelli più rari si può parlare di un vero e proprio investimento, ritrovarsi fra le mani un oggetto dal volere di decine di migliaia di euro o anche di più non è difficile, ma bisogna avere pazienza e voglia di rimboccarsi le maniche.

auto

I cacciatori di tesori – Supercar abbandonate

miuraSi tratta di quei collezionisti che vanno alla ricerca proprio delle auto di maggior prestigio che giacciono in stato di abbandono, e non è difficile incontrarle perché in barba alla fama e alla gloria del marchio nel corso degli anni si sono susseguiti molti casi di ritrovamenti inaspettati di vetture a tiratura limitata e dal valore economico esagerato. Anche grazie a queste persone è possibile vedere macchine che rischiavano di andare perdute, lasciando un vuoto negli appassionati. Immaginate lo stupore di chi si è trovato davanti una rarissima Lamborghini Miura (foto a sinistra), lasciata a giacere in una grotta con gli evidenti segni di corruzione del tempo e delle intemperie, grazie a chi l’ha lasciata lì fregandosene della rilevanza e della gloria di questa supercar stessa. Fortunato il collezionista che adesso è riuscito a portarsela a casa e a donarle nuovo splendore.

ferrariQuesto mal costume non ha risparmiato nessuna automobile, perché come sono state ritrovate Lamborghini, infatti sono state ritrovate Rolls Royce, Bugatti, Jaguar e perfino Ferrari. Pochi anni fa infatti fece scalpore il caso di una Ferrari F40 (foto a destra) trovata sul ciglio di una strada in Arabia Saudita, ricoperta dalla polvere e in evidente stato di trascuratezza. L’abbandono di supercar ha il suo epicentro nel Medio-Oriente, infatti molti sultani ed emiri sono collezionisti di auto e comprano più versioni dello stesso modello, per avere più disponibilità possibile di pezzi di ricambio, e molto spesso si liberano di queste vetture da sogno senza ritegno, lasciando a bocca aperta chi ha per queste automobili una venerazione, oltre che compiere un oltraggio alla povertà.

A Dubai nel 2012 fece il giro del Mondo la notizia di un facoltoso business man inglese che ricoperto di debiti, ha abbandonato la sua Hypercar di Maranello, la Ferrari Enzo, nel deserto piuttosto che ripianare i suoi conti. Una vettura dal prezzo inestimabile (circa un milione di euro), lasciata a cuocere sotto il sole del deserto, un vero e proprio spreco. Il destino per la rossa del Cavallino rampante è stata una battitura all’asta per 500.000 euro, un vero affare, considerando l’unicità del modello.

ferrari1



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 4 minutes, 16 seconds
Scrivi la tua opinione


  • Ti potrebbe interessare

  • Link che ci piacciono

    Copy to clipboard Update my DFP setup
  • Leggi qui

  • Consigliato

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.