Lunedi, 26 giugno 2017 - ORE:09:10

Moto GP: Lorenzo a passo deciso


La gara notturna di Losail, in Quatar, ha aperto questa nuova e rivoluzionata stagione del motomondiale. Le nuove Moto GP, tornate a 1000 cc di cilindrata hanno mostrato il loro potenziale riducendo in piccola parte il divario tra le moto ufficiali e i clienti, come nel caso delle Yhamaha . In gara trionfa alla fine Jorge Lorenzo, che stampa un ottima prestazione ottenendo partendo dala pole position ed approfitta dei problemi del 3° classificato, Stoner. Lo spagnolo della Yhamaha è stato il più continuo con il passo migliore, anche perché è stato il migliore nei test ivernali essendo l’unico ad aver effettuato delle vere simulazioni di gara. Convince anche Dani Pedrosa della Honda, che riesce a rimanere con Lorenzo e Stoner in fuga e riesce anche lui ad approfittare del Problemi di Stoner, scavalcandolo e ingaggiando battaglia con Lorenzo. L’ottimo risultato Honda è evidenziato anche dalla prestazioe di Casey Stoner che non vince a causa di un paio di guanti più stretti che gli hanno provocato dei seri fastidi alla mano destra ( quella del Gas ) rendendolo meno competitivo del normale. Comunque nella prima parte della gara l’Australiano da prova d’essere il più veloce guidando in maiera perfetta, prima d’essere ripreso da Lorenzo e Pedrosa. Ottimo anche il 4° posto di Colin Edwars con la Yhamaha del Team Tech 3, molto competitiva pur non essendo una moto ufficilale, che ha dato spettacolo insieme al compagno di squadra Andrea Dovizioso arrivato 5° a dimostrazione del buon livello che ha raggiunto la sua preparazione su questa moto, promettendo una stagione d’alto livello in grado di poter rimanere con i primi, o quantomeno subito dietro, come in questo caso. Male, invece, la Ducati di Valentino Rossi che arriva 10° dopo un week-end di gara molto sottotono e pieno di problem, e dopo una gara con qualche sprazzo di competitività che però non ripaga minimamente degli sforzi fatti in tutto questo lungo periodo di test invernali . La prestazione era comunque preannunciata priprio dagli stessi test invernali anche se un crollo così palese non era prevedibile nonostante i non ottimi tempi fatti registrare da Rossi. I problemi sono al solito la guidabilità della moto e il suo adattamento alla guida di Valentino e degli altri piloti Ducati ( i team satelliti sono diminuiti, a quanto pare nessuno è contento di correre con questa moto assolutamente non competitiva al meno per il momento ) che provoca problemi in inserimento di curva, rendendo la moto poco “affidabile”. C’è ancora molto lavoro da fare in Ducati e ormai c’è poco tempo per farlo.



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 3 minutes, 0 seconds
Scrivi la tua opinione
  • Leggi qui

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.