Sabato, 25 febbraio 2017 - ORE:19:10

Gp Aragon: Riscossa Pedrosa


Il Gran Premio svoltosi ad Aragon regala più conferme che spettacolo, ad eccezione della guida perfetta di Pedrosa e delle battaglie tra Crutchlow e Dovizioso del Team Yamaha Tech 3.

Le grandi conferme sono Jorge Lorenzo e Dani Pedrosa, autori di una stagioni ad altissimi livelli, con lo il pilota della Yamaha davanti allo spagnolo della Honda di 33 punti, che sarebbero potuti essere molti di meno se Dani non fosse caduto a Misano. Le 4 gare mancanti lasciano ancora spazio per un sorpasso in testa al mondiale, visto che questa stagione ci ha ormai abituati a svariati colpi di scena.

Nel GP di Aragon i due spagnoli partivano dalla prima posizione (Pedrosa) e dalla seconda (Lorenzo). Partiva terzo un validissimo Carl Crutchlow che si è dato da fare durante tutto il Week-end, disturbato come tutti gli altri piloti dal pessimo clima che ha colpito la regione lasciando la pista umida è poco utilizzabile (in particolare per le prove del venerdì).

Durante la gara, svoltasi sotto il sole con ottime condizioni della pista, lo Statunitense della Yamaha Tech3 ha ingaggiato una battaglia con il suo Compagno di Team Dovizioso e con Il pilota ufficiale Yamaha Ben Spies, che ha ceduto il passo Ai piloti Tech3 più veloci di lui e in lotta per la terza posizione. Alla fine la spunta Andrea Dovizioso, partito 6° e alla sua 6°presenza sul podio, moto più freddo e preciso in inserimento dalle curve e dalle traiettorie più strette.

Tutto ciò porta il pilota Italiano al quarto posto nel mondiale, subito dietro a Stoner, che spera di sorpassare. L’australiano della Honda, ancora una volta assente, viene sostituito anche per questo Gran Premio dal pilota della SuperBike Jonathan Rea, costretto ad un super lavoro in questi due Gran Premi visti i doppi impegni in SuperBike, autore di un buon 7° in griglia che conferma in gara.

Alla Honda rimane solo Pedrosa come Top Rider che comunque non tradisce le attese e rimane concentratissimo per tutto il Week-end e tutta la gara. Una concentrazione che mentiene fino alla vittoria davanti ad un Lorenzo che si “accontenta” della seconda posizione pensata in chiave mondiale.

Mezzo disastro per la Ducati invece che perde Hayden alle prime battute della gara per una sfortunata uscita di strada e incassa una mezza frittata di Rossi, che sbaglia le traiettorie in due occasioni distinte e viene costretto a ripartire dal fondo fino alla rimonta all’ottava posizione dalla quale era partito.

A differenza di Misano dove le novità tecniche e la fortuna avevano permesso a Rossi un ottimo secondo piazzamento sul podio, ad Aragon i problemi sembrano i soliti delle ultime due stagioni. Vedremo se Rossi riuscirà ad emozionare ancora un’ultima volta i tifosi della Ducati prima della fine del campionato.



Fate sempre attenzione! di ldgsocial
Pubblicato da:
Tempo stimato di lettura: 2 minutes, 58 seconds
Scrivi la tua opinione


  • Ti potrebbe interessare

  • Link che ci piacciono

    Copy to clipboard Update my DFP setup
  • Leggi qui

  • Consigliato

Eccetto dove diversamente indicato, i contenuti di Studionews24 sono rilasciati sotto Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License. Tutti i contenuti di Studionews24 possono quindi essere utilizzati a patto di citare sempre studionews24.com come fonte ed inserire un link o un collegamento visibile a www.studionews24.com oppure alla pagina dell'articolo. In nessun caso i contenuti di Studionews24.com possono essere utilizzati per scopi commerciali. Eventuali permessi ulteriori relativi all'utilizzo dei contenuti pubblicati possono essere richiesti a info@studionews24.com.